Fa caldo, troppo caldo

condividere
Hey che figo fa caldo!
Questo dicembre fa veramente caldo, che figo… posso vestirmi ancora leggero.
Figo vero?
Direi proprio di no.
Quindi tutte quelle storielle che si raccontavano sul riscaldamento globale, sul fatto che siamo in debito con la terra, non son poi così storielle.
Per inciso pare che dal punto di pareggio che si raggiunse nel 1970 dal 71 in poi abbiamo iniziato ad erodere la produzione della terra, quest’anno siamo arrivati al 13 agosto (lo scorso anno era il 19).
A me la neve manca, quella che da bambino ti faceva rimanere a casa da scuola qualche giorno in più e che da adulto ti toccava togliere dal cortile di casa per uscire con la macchina per andare a lavorare.
La neve che serviva tanto anche in agricoltura, faceva da coperta, manteneva tutto in letargo e proteggeva le piante più piccole dalle gelate.
Era una gran rottura di scatole per certi versi ma un grandissimo divertimento per altri; da giocare a palle di neve al provare a fare i piloti con la macchina nei piazziali.
In più il polo insieme alla foresta amazzonica ci serviva per mantere l’equilibrio del pianeta.
Ma l’equilibrio è noioso, perchè richiede fatica ed impegno, meglio non pensare, non faticare, e continuare sulla stessa strada.
Credo invece che ci voglia molto impegno, ed io ho non la ricetta precisa, mi sto impegnando.
Il primo passo sarà spostarci in città per ridurre l’impatto ambientale del mio lavoro, per questo ho iniziato un piccolo gioco, oltre a cercare di recuperare alcuni arredi che ci hanno lasciato e riutilizzare quelli che già abbiamo. Abbiamo iniziato a recuperare scatoloni usati, chiudendoli con nastro di carta, useremo gli stessi anche per proteggere i mobili durante il trasloco. Cercando di realizzare “pacchi piatti” per minimizzare i viaggi.
Una volta trasferiti ho un idea per ridurre ulteriormente l’impatto dei miei spostamenti, ne sto chiaccherando con un amico e probabile sponsor. Vi racconterò nel prossimo post se le cose andranno in porto.
Io ci provo, e tu?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *