15825739 1527307550630133 6533065874948513672 N

Cosa hanno in comune il viaggio in treno sulla 1a classe e la scelta del tuo fotografo di matrimonio?

15825739_1527307550630133_6533065874948513672_n

Sono sempre stato un sostenitore della mobilità in macchina.

Qualunque fosse il posto da raggiungere, in Italia soprattutto, la mia risposta era: “andiamo in macchina”.

La comodità.
Parti quando vuoi, rientri quando vuoi.
Puoi caricare una borsa in più.
Non devi far amicizia con nessuno, condividere spazi.

Già, bello ma poi? Ci sono anche molte scocciature: i costi del carburante, dell’autostrada, la manutenzione, eventuali problemi meccanici, le soste, i parcheggi, le code, la stanchezza dopo ore di guida…

Oggi ho iniziato a cambiare un po’ idea, grazie a Patty mia moglie che ha insistito per andare a Roma in treno.

Hai presente a come si viaggia in treno ultimamente?

Ti siedi, le poltrone sono larghe e confortevoli, puoi avere le due poltrone affiancate oppure quella singola. Ti metti le cuffie e scrivi.
Oppure leggi un bel libro, ti guardi un film.

Lo so che sembra di parlare del mesozoico ma le ultime volte che ho usato in treno mancavano completamente tutte queste agevolazioni elettroniche…

Invece ho scoperto una mobilità più sostenibile ed anche estremamente comoda.

Questa comodità e l’esperienza del viaggio mi hanno piacevolmente sorpreso: mi sono sentito coccolato e accolto.

Un piano di appoggio, la possibilità di ricaricare il cellulare, il gancetto per appendere la giacca, uno spazio dove riporre lo zaino, lo spazio per allungare le gambe, il riscaldamento, l’illuminazione. Tanti dettagli hanno contribuito a rendere l’esperienza molto piacevole.

Ah, scusa, dimenticavo: il treno è pure partito in orario, ma anche fosse partito con 10 minuti in ritardo non sarebbe stato in grande problema… In fondo, anche in macchina, di ritardo ne accumuli con la scusa di essere libero e puoi correre oppure perderti in autogrill.

In treno, la user experience (l’esperienza utente) é stata confezionata bene, esattamente come mi impegno a fare io tutte le volte che incontro una coppia di futuri sposi.

Ecco cosa c’entrano il treno e la scelta del fotografo!

Come se fossi io il responsabile della 1a classe di un treno ad alta velocità, faccio di tutto per coccolare i miei sposi e per dare loro esattamente l’esperienza che vogliono e che si meritano.

Niente viaggio stancante e scomodo in auto con mille scocciature e costi imprevisti!

Ai futuri sposi pongo delle domande per capire esattamente quali sono le loro esigenze, come hanno pensato di organizzare la giornata, i tempi e gli spostamenti… Il tutto per dare loro un’esperienza unica e un servizio fotografico cucito su di loro, proprio come un bel viaggio in 1a classe.

Ricorda che il tuo matrimonio sarà unico e irripetibile, per questo meriti un fotografo che quel giorno ti faccia vivere un’esperienza confortevole ed esattamente come desideri (un po’ come il mio ultimo viaggio in treno… E la smetto di parlare di treni).

Vuoi saperne di più?
Scrivimi info@umbertogavazza.com
o chiamami al 3355896501

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *